Vai al contenuto principale
Oggetto:
Oggetto:

Psicologia delle relazioni interpersonali e istituzionali nel contesto penitenziario - Lab / Psychology of interpersonal and institutional relationships within the penitentiary system - Lab

Oggetto:

Psychology of interpersonal and institutional relationships within the penitentiary system - Lab

Oggetto:

Anno accademico 2019/2020

Codice dell'attività didattica
PSI0423
Docente
Marco Bozzi (Titolare del corso)
Corso di studi
Psicologia criminologica e forense
Anno
1° anno
Tipologia
Laboratorio
Crediti/Valenza
3
SSD dell'attività didattica
M-PSI/05 - psicologia sociale
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Obbligatoria
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

 Il Laboratorio fornirà allo studente conoscenze relative a:

• Definizione del contesto penitenziario, dal punto di vista descrittivo e normativo, ed analisi delle dinamiche delle parti coinvolte nel processo di interazione all’interno di tale contesto. Approfondimento del quadro teorico utilizzando matrici di riferimento legate alla teoria dei sistemi.
• Analisi specifica degli elementi che compongono il contesto in oggetto, della loro relazione e delle dinamiche che si creano, secondo il livello organizzativo/istituzionale, e secondo la dimensione psichica individuale e gruppale.
Il fine dell’apprendimento è quello di acquisire la capacità di lettura del contesto penitenziario, delle sue dinamiche evidenti e non evidenti, degli aspetti istituzionali, sociali e personali, che influenzano l‘ambiente e le persone al suo interno. Ciò attraverso l’utilizzo di quadri interpretativi psicologici, criminologici e forensi.

 The workshop will supply students with knowledge dealing with:

• Definition of the prison contest from a descriptive and legislative point of view, and analysis of dynamics between the parts involved into the interaction inside this contest.
• Specific analysis of the elements that form the contest in object, of their relationship and the dynamics at the organizational/institutional level and in the individual and collective psychological dimension.
The aim of this learning is to develop a reading skill of the prison contest, its dynamics (both visible and hidden), of the institutional, social and personal aspects that have an influence on the environment and on dwelling people. This will be done using psychological, criminological and forensic interpretative patterns.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

 Alla conclusione del percorso laboratoriale, i risultati attesi sono:

• Definire, attraverso l’utilizzo di un paradigma teorico/clinico, le dinamiche psichiche gruppali ed individuali che avvengono nel sistema carcere.
• Acquisire maggiore conoscenza sulla rete sociale interna ad un istituto detentivo, alla sua funzione, al suo ruolo specifico in riferimento alla mission del sistema.
• Sviluppare la capacità di lettura critica degli elementi che lo compongono, in relazione all’obiettivo etico e professionale dell’intervento clinico.

 • The definition of the group and individual psychic dynamics taking place in prison by using a theoretical/clinical paradigma.

• The acquisition of a deeper knowledge on the social network inside a prison, its function, its specific role with reference to the system mission.
• The development of a critic reading ability of the consisting elements, with regard to the ethic and professional aim of the clinic action.

Oggetto:

Modalità di insegnamento

 L’insegnamento avverrà in forma di gruppo di scambio, ed in piccoli gruppi di discussione, con modalità di confronto interattiva tra Docente e Studenti.

 The teaching will take place in the form of both large and small discussing groups, with an interactive relationship between teacher and students

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

 Fatto salvo l’obbligo di frequenza dell’attività laboratoriale che non può essere inferiore al 75% delle ore previste, l’accertamento della preparazione dello studente avverrà attraverso una relazione finale (da 3 a 5 pagine). La valutazione complessiva dell’attività laboratoriale si avvarrà di una scheda di verifica stilata secondo i criteri dei descrittori di Dublino (Conoscenza e capacità di comprensione; Conoscenza e capacità di comprensione applicate; Autonomia di giudizio; Abilità comunicative; Capacità di apprendere). L’esito finale sarà “approvato” o “non approvato”.

 Students must attend, at least, 75% of the hours of the practical lab. For the final assignment, the students will have to submit a 3 to 5 pages report on the topic discussed during the lab. The overall evaluation of the workshop will make using the criteria of the Dublin descriptors (Knowledge and understanding, knowledge and understanding applied; Making judgments; Communication skills; Ability to learn). The final score will be “passed” or “not passed”.

Oggetto:

Attività di supporto

 Il giorno di ricevimento è il venerdì, previo appuntamento con il Docente

 The receiving Day is Friday, subject to previous appointment with the teacher.

Oggetto:

Programma

Il percorso di apprendimento di divide in due parti:
Prima parte descrittiva e teorica, sull’analisi e la definizione del contesto e delle dinamiche presenti.
In particolare, gli argomenti trattati saranno:
• descrizione del percorso di detenzione, sulla tipologia dei detenuti secondo la cultura carceraria, sulla tipologia di detenzione stabilita dall’Ordinamento Penitenziario, su alcuni elementi impliciti della cultura penitenziaria, sulle dinamiche della reclusione;
• descrizione delle figure professionali, sanitarie, formative, lavorative e volontarie presenti, e dei ruoli istituzionali che svolgono;
• analisi del ruolo dello psicologo e del setting clinico;
• approfondimento sulle dinamiche di funzionamento implicite nel funzionamento organizzativo;
elementi di psicopatologia clinica.
Seconda parte: approfondimento su temi inerenti alle dinamiche non evidenti del contesto penitenziario, in modo interattivo e partecipativo con gli studenti
Breve trattazione sugli elementi di psicopatologia nel contesto penitenziario, insieme all’intervento clinico previsto.
Analisi delle dinamiche esplicite ed implicite legate al funzionamento dell’organizzazione penitenziaria; la funzione curante nel sistema chiuso. Ruolo dello psicologo nelle dinamiche nascoste; la funzione di “terzo altro” nella relazione regressiva. Quando la funzione terapeutica diviene curante, nel contesto detentivo?

 

 The learning path is divided into two parts:

The first part is theoretical and describes the analysis and definition of the context and of the present dynamics.
In particular, the subjects we will deal with are:
• Description of the detention path, of type of prisoner according to the prison culture, of type of detention decided by the Penitentiary Systems, description of some implicit elements of the penitentiary culture and the detention dynamics
• Description of the professional, medical, training, working profiles and volunteers, and of their institutional roles
• Analysis of the role of the psychologist and the clinical setting
• Deepening of the working dynamics inside the organizational functioning
• Clinical psychopathological element
Second part:
deepening of the subjects concerning the dynamics that are not evident in the penitentiary contest, dealing with students in an interactive and participating way.
Short handling of the psychopathological elements in the penitentiary contest and the planned clinical intervention.
Analysis of the explicit and implicit dynamics connected to the functioning of the penitentiary organization; the “third” role in the regressive relationship

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

 D. Pajardi (A cura di), Oltre a sorvegliare e punire. Esperienze e riflessioni di operatori su trattamento e cura in carcere. Giuffrè, 2008

 D. Pajardi (A cura di), Oltre a sorvegliare e punire. Esperienze e riflessioni di operatori su trattamento e cura in carcere. Giuffrè, 2008

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 01/10/2019 10:28

Location: https://www.psicologiaforense.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!